I vantaggi di una cucina ad isola

Se per voi la cucina significa dinamismo, convivialità ed emozione, la scelta di progettare una cucina ad isola all’interno della vostra abitazione, è la scelta corretta.

La cucina ad isola nasce negli Stati Uniti (per questo viene chiamata anche cucina all’americana), dove da sempre è il fulcro delle attività domestiche: colazioni abbondanti, party con gli amici, brunch domenicale in famiglia.

La cucina ad isola è una scelta che darà alla vostra abitazione grande personalità e fascino, valorizzando anche il resto della casa, a partire dalla zona giorno.

La configurazione ideale prevede inoltre 2 pareti: una dedicate alle colonne per il contenimento e la conservazione dei cibi, oltre che alla zona forni. La seconda parete sarà occupata da basi, contenitive, porta lavello, porta lavastoviglie e i relativi pensili. L’isola, aperta su 4 lati con relativo contenimento, sarà dedicata alla preparazione di cibi con il piano cottura e la relativa cappa.

Rifra Fly; mobili bianco puro lucido, top in acciaio.

La progettazione di una cucina ad isola è fondamentale, ed è subordinata ad un’ampia disponibilità di spazio. In particolare, oltre al progetto architettonico, la cucina ad isola necessita un progetto dettagliato sia dell’impianto elettrico che dell’impianto idraulico.

Alcuni esempi di cucine Rifra installate a New York, con isola; in questo caso tutte la parte operativa è a parete.

Rifra Line, laccata bianco lucido, top ed alzate in acciaio, top dell'isola in quarzo.

In questa cucina invece è stata scelta la soluzione della doppia isola con colonne contenitive, di grande impatto scenico e scenografico.

isola in rovere spazzolato, top in quarzo, colonne in cemento.

Se vuoi rimanere aggiornato sulle ultime tendenze delle cucine ad isola, compila il box a fianco ed iscriviti alla nostra newsletter.

Lascia un commento

Lasciando un commento su questo blog, accetti l'informativa sulla privacy