Cucina con finitura in cemento

Una cucina può essere tanto individuale quanto il suo proprietario.

Al cemento sono spesso associate gli aspetti di robustezza e solidità, caratteristiche che ne hanno fatto per anni il materiale privilegiato del settore dell’edilizia. Con i nuovi arredi, diventa versatile, vestendo la casa di un look tutto nuovo e originale.

Chi ama lo stile contemporaneo non può rinunciare alla finitura in cemento, che si distingue per quel fascino materico soprattutto se si tratta di un total look senza alcuna aggiunta di colore.

Un tempo erano solo i puristi dell’architettura strutturale che sceglievano di ospitare elementi in cemento all’interno dell’appartamento, collocando in cucina o nel living, elementi con i quali gli altri materiali potevano dialogare, creando un’estetica industriale e ricercata.

Oggi si tratta di una tendenza che sta conquistando un numero sempre maggiore di adepti e che coinvolge gli appassionati del settore tanto da desiderarne l’impiego anche sui dettagli.

Il merito va a un eleganza solida e spiccatamente minimale che aiuta a creare spazi dal carattere contemporaneo ed ai professionisti dell’interior design, che con creazioni imperdibili riescono a collocarlo in modo sofisticato ed elegante.

Gli ultimi prodotti sono frutto di materie prime e di processi industriali che hanno comprovato la resistenza e la durata, introducendo grazie alla nanotecnologia, proprietà inedite.

Nello specifico, il processo SYNTRA, consente di lasciare a vista il top nei rispettivi toni del grigio ardesia e del grigio cemento, ne scaturisce un’elevata resistenza meccanica all’abrasione ed alla penetrazione dei liquidi e un trattamento finale che lo rende idrorepellente.

 

Gli ambienti prediletti sono i loft metropolitani ma anche negli appartamenti più piccoli questa speciale finitura può trovare un impiego più che soddisfacente.

In particolar modo il cemento trova il suo habitat ideale proprio in cucina dove, attraverso un’applicazione con tecnica di spatolatura manuale, andiamo a rivestire ante, colonne, isole e gli stessi piani di lavoro per ottenere prodotti resistenti e scultorei.

 

Talvolta la scelta più rigorosa consiste nella realizzazione di pareti che ne accolgono la composizione, anche esse in cemento, scalando di qualche tono o mantenendo la stessa nuance.

Chi preferisce uno stile più eclettico o vuole adattare le nuove tendenze su preesistenze importanti, storiche o altamente contestualizzate in luoghi già di per sè caratteristici, può giocare a trovare delle soluzioni che esaltino la finitura in cemento solo in una parte, lasciando, ad esempio, le altre componenti laccate in altre tonalità.

 

Laura Murru

PS: Se vuoi scoprire le nostre collezioni cucina clicca qui http://www.rifra.com/it/collezioni/cucine.aspx

Lascia un commento

Lasciando un commento su questo blog, accetti l'informativa sulla privacy